skip to Main Content
LA GONDOLA (FORSE) PIU’ ANTICA DEL MONDO

LA GONDOLA (FORSE) PIU’ ANTICA DEL MONDO

Questa mattina la voce di Silvia Bencivelli a Pagina Tre mi ha fatto fare un piccolo salto sulla sedia: stava parlando di un articolo di Alessandro Marzo Magno sul Gazzettino di oggi a proposito della gondola forse più antica del mondo. E, sì, parlava proprio di quella gondola di proprietà di un museo americano che una ventina di anni fa (1999) io stesso avevo contribuito a far restaurare a Venezia. Il museo era il Mariners’ Museum di Newport News, Virginia. La gondola, costruita prima del 1846, si trovava lì dopo varie vicissitudini ben ricostruite nell’articolo: era appartenuta al poeta Robert Browning quando lui abitava a Ca’ Rezzonico ed era stata portata in America su un transatlantico verso il 1890. Il mio contributo (giustamente non menzionato nell’articolo perché molto secondario) si verificò quando il museo decise di farla restaurare. Il direttore si rivolse alla rivista Wooden Boat per trovare i carpentieri più adatti; la direzione della rivista, alla quale io avevo contribuito con qualche articolo sulle barche veneziane, ebbe la buona idea di chiedere a me. Buona idea perché la povera gondola stava per finire nelle mani di qualche bravo carpentiere americano che di gondole, e particolarmente di gondole storiche, non poteva intendersi molto. Portarla a Venezia non fu per niente facile; ma il direttore del museo si lasciò convincere, anche per la forza pubblicitaria di un evento così spettacolare. A Venezia coinvolgemmo Gilberto Penzo per la parte storica, Nedis e Roberto Tramontin per quella esecutiva, e tanti altri esperti come Giorgio Suppiej e Gianfranco Munerotto. Il direttore del museo sborsò tutto quello che era necessario senza battere ciglio. Il restauro fu seguito da fotografi e giornalisti (molto più americani che italiani, come il solito) e oggi la gondola è esposta con tutti gli onori nelle sale del museo. Qui sotto inserisco il testo dell’articolo sul Gazzettino e una foto recuperata di me stesso nello squero di Tramontin subito dopo il restauro. La foto sopra è quella della gondola come si può vedere oggi nel museo della Virginia.

 

Il giro lungo di Checco CanalIl giro lungo di Checco Canal
Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno.
Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni.
Leggete qui una recensione sul “Gazzettino” di Venezia

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi