skip to Main Content
FIRENZE STA FORSE PEGGIO DI NOI

FIRENZE STA FORSE PEGGIO DI NOI

Vi ricopio qui sotto un articolo comparso il 15 settembre sul periodico di Firenze Per un’altra città. L’immagine qui sopra proviene da quell’articolo e rappresenta una stanza di un albergo di lusso di Firenze, addobbata come tutto l’albergo in modo speciale per celebrare il centenario dantesco del 2021 (700 anni dalla morte). I proprietari dell’albergo non hanno trovato di meglio che mascherare tutta la struttura “secondo la tematica Inferno e Paradiso”, con “stanze dedicate al regno di Lucifero e acquasantiere, ali portatili e colori eterei nelle stanze dei beati”. Ricopio qui sotto l’articolo intero perché è semplicemente spassoso e riferisce che “la stampa si affretta a celebrare l’avvenimento con toni trionfalistici: “elettroshock al 25 Hours di Firenze”, “sferzata di energia che cambia le regole dell’ospitalità”, “irriverente, smart, autentico e sempre con un design dalla storia avvincente”, e chi più ne ha più ne metta”. Riporto qui sotto il testo intero del breve articolo. Per leggerlo nella sua sede originale (che sarà sicuramente interessante anche nel futuro per noi veneziani) basta cliccare qui.
Dante a Firenze? L’albergo di lusso provvede a “celebrarlo
17 settembre 2021
Antonio Fiorentino
Nell’anno del settecentesimo anniversario della morte di Dante, proprio nel giorno della sua scomparsa, Firenze “omaggia” il poeta inaugurando l’ultimo di una serie di alberghi di lusso che ormai hanno invaso la città, desertificandola. Si tratta del controverso albergo di Via Palazzuolo il cui allestimento, in maniera poco originale, strizza l’occhio alle atmosfere della Divina Commedia.
171 camere, 66 nel monastero della chiesa di San Paolino, 104 nella nuova costruzione sul retro, con annesso parcheggio sotterraneo in area a vincolo archeologico. Queste sono suddivise secondo la tematica Inferno o Paradiso, tra pareti rosse, “scritte sui vetri e lampadari capital nelle stanze dedicate al regno di lucifero e acquasantiere, ali portatili e colori eterei nelle stanze dei beati”.
Cattivo gusto dispensato a man bassa per attrarre il “viaggiatore cosmopolita ed avventuroso, alla ricerca di esperienze autentiche e di condivisione”. Sull’autenticità dell’esperienza ci permettiamo di avanzare fondate perplessità, visto il baraccone da luna park che si presenta ai nostri occhi e nonostante la stampa si affretti a celebrare l’avvenimento con toni trionfalistici: “elettroshock il 25 Hours di Firenze”, “sferzata di energia che cambia le regole dell’ospitalità”, “irriverente, smart, autentico e sempre con un design dalla storia avvincente”, e chi più ne ha più ne metta.
In realtà l’obiettivo sotteso è gentrificare la zona di Via Palazzuolo, ossia consegnare al mercato immobiliare del lusso questo angolo di città. Tutto ciò non deve meravigliare, è emblematico dello stato comatoso, da un punto di vista culturale e sociale, in cui versa Firenze, il cui Centro Storico, patrimonio dell’umanità, è stato completamente sacrificato sull’altare della speculazione turistica, immobiliare e finanziaria.
“Dead man (town) walking” verrebbe da dire, così come nelle carceri americane è indicato il tragitto dei condannati a morte verso il patibolo. È proprio questo il destino di una città che ha fatto la storia di un’epoca? Noi non ne siamo convinti, lottare, insorgere, riappropriarci del nostro ambiente di vita è il nostro compito. E noi ci siamo!

Il giro lungo di Checco CanalIl giro lungo di Checco Canal
Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno.
Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni.
Leggete qui una recensione sul “Gazzettino” di Venezia

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi