skip to Main Content
GIOVANNI GIUSTO SI SVEGLIA E SUBITO SBAGLIA

GIOVANNI GIUSTO SI SVEGLIA E SUBITO SBAGLIA

Giovanni Giusto, consigliere comunale eletto con la Lega, è “delegato” dal sindaco Brugnaro “alla tutela delle tradizioni”. Da anni è il presidente del Coordinamento delle Società Remiere, e sarebbe logico che si occupasse della lotta contro il moto ondoso generato dalle imbarcazioni a motore nella laguna e nei canali. Ma in tutti questi anni non ha mai preso un’iniziativa per tentare di affrontare quel fenomeno. La cosa non mi ha mai sorpreso perché conoscevo già il personaggio dal tempo in cui io ero il presidente di Pax in Aqua (associazione veneziana per la lotta al moto ondoso) negli anni tra il 1996 e il 2005, e dovetti constatare con sorpresa che lui, già allora presidente delle remiere, non solo non sosteneva le nostre battaglie ma anzi sembrava ostacolarle in tutti i modi. Adesso, negli ultimi giorni, il problema del moto ondoso sta ritornando alla ribalta con urgenza, come testimoniano i frequenti articoli dei giornali locali. E d’improvviso il consigliere delegato sembra svegliarsi. In un’intervista sul Gazzettino di oggi 27 giugno espone la sua ricetta, che consisterebbe nell’eliminare tutte le regole imponendo “un’unica proibizione: vietato produrre onde”. E continua, secondo quanto riporta il Gazzettino, con queste parole: “Sul Tamigi c’è solo questa semplice regola”. Sul Tamigi? Non mi risultava. Allora sono andato a controllare. AI fini del traffico acqueo il Tamigi è diviso in due parti: soggetto alla marea (la parte a valle) e non soggetto alla marea. La divisione corre più o meno al centro di Londra. Nella parte a valle (sono gli ultimi 90 chilometri e comprende parte del centro di Londra) vale la seguente regola:
Non superare gli 8 nodi (circa 12 chilometri orari) a monte del ponte Wandsworth;
Rispettare il rigoroso limite di 12 nodi (circa 20 km/h) oltre il ponte Wandsworth.
Nel testo inglese:
There are speed limits on the tidal Thames for your own safety and that of others.
In summary:Do not to exceed a speed of 8 knots above Wandsworth Bridge
There is a strict 12 knot speed limit throughout central London. This limit applies between Wandsworth Bridge and Margaretness (which is located near Barking Creek)
Invece per tutto il Tamigi non-mareale ecco la regola:
La velocità massima consentita per il Tamigi non-mareale è di 8 chilometri all’ora (o 4,9 miglia o 4,2 nodi). Guardate dietro la barca, non fate onde!
The maximum speed limit on the non-tidal Thames is 8 km/h or 4.9 mph or 4.2 knots. Look behind you, don’t make waves!
Da tutto ciò risulta che se nella laguna veneta fossero applicate le regole del Tamigi il problema del moto ondoso non esisterebbe davvero più, proprio perché i limiti di velocità esistono e sono fatti rispettare.

Condividi questa pagina
This Post Has 4 Comments
  1. Come fare per poterla inoltrare a lui e al Gazzettino? Grazie, Paolo: è vero ” look behind you, don’t make waves” , ma ci sono le regole precise su quante miglia!!!! Quanta mala fede …in più travestita da sapere internazionale
    ….

    1. Questa mattina ho mandato una letterina al direttore del Gazzettino. Vedremo de la pubblicherà nei prossimi giorni. Grazie per il commento!

  2. Caro amico, e’ una vita che predichiamo a tutti i livelli per un limite di velocità’ di 8 e 11 km/h per arrivare a produrre meno moto ondoso possibile ma purtroppo “Nemo propheta in patria”.

  3. Caro amico,
    e’ una vita che predichiamo a tutti i livelli per un limite di velocità’ di 8 e 11 km/h per arrivare a produrre meno moto ondoso possibile ma purtroppo “Nemo propheta in patria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi