skip to Main Content
NOI PIONIERI DEL NUOVO TURISMO

NOI PIONIERI DEL NUOVO TURISMO

Sulla spinta di una segnalazione di Nicola Lagioia in Pagina Tre su Rai3 di questa mattina, sono andato a cercare nella bella rivistastudio.com una recensione a un libro appena uscito presso l’editore Nottetempo. Si tratta di Napoli. Contro il panorama, di Lucia Tozzi e Giovanna Silva. Potete trovare la recensione intera cliccando qui. Perciò ora a mia volta vi segnalo una frase di quella recensione, frase che mi pare definisca molto bene i pericoli insiti nell’eccesso di turismo. Forse in Italia e nel mondo sta cominciando a formarsi una consapevolezza che fino a pochi anni fa ancora mancava, com’è avvenuto a suo tempo nei riguardi della rivoluzione industriale e dei suoi effetti perniciosi. Ecco la frase che mi ha colpito:

«Ormai sappiamo in modo inequivocabile che il turismo è un’industria più pesante delle acciaierie, che innesca processi molecolari e quasi irreversibili di trasformazione urbana sostituendo le abitazioni con B&B, i negozi di quartiere con pizzerie e bar, il lavoro salariato con il precariato selvaggio, e alimentando la gentrificazione e l’espulsione degli abitanti poveri dal centro. Il turismo tende inoltre al monopolio – è incompatibile con altre forme di sviluppo economico e colonizza ogni forma di produzione culturale, subordinandola all’attrattività – e rafforza la rendita. Ed è un’economia fragilissima, esposta a crisi imprevedibili»

(Ho anche scoperto, lo dico tra parentesi, un altro libro di Lucia Tozzi che mi sembra interessante, titolato “Dopo il turismo”, acquistabile come ebook).

.

 

Condividi questa pagina
This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi