skip to Main Content
IL POPOLO MI HA ELETTO PERCIO’ COMANDO IO

IL POPOLO MI HA ELETTO PERCIO’ COMANDO IO

Strana idea di democrazia quella del sindaco Brugnaro, come lui la ha espressa con foga durante il primo incontro della “cabina di regia” sulle dighe mobili (e c’erano proprio tutti: la nuova commissaria Spitz, il prefetto, il Comune, la Regione, le Università, gli Istituti di ricerca – tutti salvo le associazioni di cittadini). Ma quali fanghi tossici, ma quale laguna da preservare, ma quali criticità dal Mose. Né i ministri, né i prefetti, né i tecnici sono stai eletti, ma io sì. Perciò datevi da fare, altro che valutazioni ambientali; fate come dico io.
I contrappesi e i controlli sembrano solo degl’impicci. Fanno perdere tempo a chi comanda. Se fosse per lui, evidentemente, si scaverebbe la laguna, si farebbero entrare ancora più navi, si costruirebbero ancora più alberghi. Così vuole il Capo, capito? E se non vi garba fatevi eleggere!
L’articolo che segue si trova sul Corriere del Veneto di mercoledì 8 gennaio 2020. L’immagine è da vvox. it del 12/2/2019.

Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno. Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni.

 

Condividi questa pagina
This Post Has 3 Comments
  1. Il Sindaco Brugnaro conosce la differeza fra la Democrazia e la Dittatura…..basta consultare il vocabolario e leggere il significato…

  2. Il Sindaco Brugnaro oltre a non conoscere la differenza tra Democrazia e Dittatura, che denota scarsa cultura, non ha rispetto neanche delle Istituzioni elette, come dice lui, dal popolo, vanno così di moda il populismo alla Salvini e i deliri di onnipotenza che pensa bene di cavalcarne l’onda!
    Per non parlare del governo, su cui stenderei un pietoso velo, chi pensa abbia eletto il presidente della Regione?
    Se poi nei momenti dell’emergenza acqua alta dello scorso novembre diceva di non sapere niente del Mose e del suo stato d’avanzamento lavori, spighi di cosa si è informato in questi 4 anni di mandato, riguardo la Salvaguardia di Venezia.
    Mi domando sa che esiste da almeno 40 anni una cosa che si chiama Legge Speciale x Venezia?
    Credo do no visto che non ha mosso un dito x il suo rifinanziamento.
    Sa che con detta Legge venivano finanziati lo scavo dei rii e il contemporaneo consolidamento delle fondazioni di case private e palazzi, credo di no!
    Sa che sempre grazie ai fondi della medesima lLegge, Venezia dagli anni 80 al 2000 era tutto un cantiere x il rifacimento di intonaci, coperture di edifici privati e pubblici, il restauro di Beni Artistici, e anche degli interni di abitazioni privare e artigianali, credo sempre di no!
    Ma probabilmente non gli interessa visto che ha più volte dichiarato che Venezia ha solo una vocazione turistica e in questo senso va letto il suo interesse x le grandi navi, i mega alberghi a Mestre, il proliferare di bed&brekfast, il continuum di catene di ristorazione.
    Ma la Venezia che è rimasta ferita e si è rialzata dopo l’evento dello scorso novembre è quella dei veneziani che la città la vivono quotidianamente, la abitano e la amano non certo quella dei turisti che guardano e passano, lasciandosi dietro solo immondizia.
    La invito sig Sindaco a studiare la storia di Venezia almeno degli ultimi 40 anni, sarebbe meglio qualche secolo, prima di parlare di una città che non conosce affatto che solo contribuito a renderla invivibile x tutti, veneziani in primis ma anche x i molti turisti che tornano tutti gli anni perché la amano e non solo x sfruttarla e impoverirla come ha fatto lei in questi anni.
    Per valorizzare una città bisogna conoscerla in tutti i suoi aspetti quindi la invito ancora una volta a studiare, studiare molto prima di parlare ancora a vanvera e avocare a se pieni poteri.

  3. Tutto questo fa parte di un generale impoverimento culturale di tutti i nostri amministratori e governanti, supportati e eletti dalla parte più ignorante e ahimè! Più aggressiva della popolazione.
    La maggioranza di questi manca di lungimiranza e non va oltre al proprio interesse economico personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi