skip to Main Content
VOTARE LEGA PER UCCIDERE VENEZIA

VOTARE LEGA PER UCCIDERE VENEZIA

Un eccellente articolo di Tomaso Montanari sul Fatto Quotidiano di oggi stabilisce in modo inequivocabile la stretta relazione tra i programmi della Lega e il declino sempre più rapido della qualità della vita a Venezia. D’altra parte la cosa era facilmente immaginabile: nel moderno dilemma tra profitti e qualità della vita, tra “posti di lavoro” spesso immaginari e precari e salute fisica o mentale, la Lega sempre stata dalla parte del quattrino. La salute fisica e mentale è cosa da radical chic, non da sani popolani
come i seguaci di Salvini. Adesso l’amministrazione leghista della regione mette in vendita oltre allo stesso Palazzo Balbi (che passerà dall’uso pubblico a quello privato, si capisce in quale funzione) altri 22 appartamenti nel centro storico. Zaia esulta, perché incassa fondi. Invano una senatrice ricorda che così si rischia di “rinforzare ulteriormente l’offerta turistica”.

Montanari conclude drammaticamente: “Zaia sa dire solo ciò che dice il mainstream liberista: alienazioni, privatizzazioni, massacro della città pubblica”. Impossibile dargli torto.

 

Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno. Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni.

 

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi