skip to Main Content
PARTITO DEMOCRATICO, FATE LE PRIMARIE!

PARTITO DEMOCRATICO, FATE LE PRIMARIE!

Esce oggi su Ytali (periodico online con base a Venezia, diretto da Guido Moltedo, ex vicedirettore del “Manifesto” ed ex addetto stampa del Comune di Venezia), un articolo di Silvio Testa (a sua volta ex giornalista del “Gazzettino”), nel quale trova voce un concetto che dev’essere molto diffuso tra il pubblico veneziano interessato alle prossime elezioni. Testa esprime perplessità verso il metodo seguito dal Pd nella ricerca di un candidato alla carica di sindaco e presenta con enfasi un nome che suona ovvio per chiunque abbia seguito il consiglio comunale negli anni di Brugnaro: quello della giovane consigliera comunale e capogruppo del Pd Monica Sambo.
Riporto qui il link con l’eloquente articolo di Testa (nel corso del quale viene menzionata anche l’altra ovvia candidatura, quella di Giovanni Andrea Martini), e ripeto la domanda che ho già più volte espresso su queste pagine: come può essere il Pd così cieco di fronte alle pressioni del suo stesso pubblico? Perché non ha la forza o il coraggio di indire delle serie primarie nelle quali i vari candidati possono presentare i loro programmi (e il loro passato politico) agli elettori? Eppure forse in quel modo potrebbe riconquistare almeno una parte della fiducia perduta.

Cliccare qui per l’articolo su Ytali, di cui riporto qui sotto il titolo.

Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno. Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni. Leggete qui una recensione sul “Gazzettino” di Venezia.

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi