skip to Main Content

Lo faccio con una settimana di ritardo, ma non potevo non annunciarvi la notizia che da sabato scorso mi fa compagnia. Non è di politica né di sanità ma di letteratura, o anzi di vita reale, di forma e contenuto dei pensieri che contano. Nell’apparentemente giocoso torneo uno-contro-uno in corso sull’inserto Robinson (di Repubblica) due tra i contendenti erano Giuseppe Berto con Il Male oscuro e Pier Paolo Pasolini con Ragazzi di vita. La cosa era per me importante perché per molti decenni (più di cinque) il Male oscuro è stato uno dei romanzi italiani contemporanei che più mi hanno convinto. Anzi, emozionato e commosso, anche nutrito. Era uscito in un periodo di romanzi scritti di testa e non di mente e cuore, esercizi di stile, prediche sociologiche, gruppi d’avanguardia senza rapporti con il vivere. Poi è stato quasi dimenticato. Adesso, ecco, si prende una giusta rivincita. Siamo agli ottavi di finale del torneo lanciato da Robinson: è già un miracolo, leggendo la prose di alcuni giurati degli altri duelli, che sia arrivato fin qui; ma chissà mai, potrebbe perfino essere votato il miglior romanzo italiano del dopoguerra. Per me è stato certo il più entusiasmante. (Altra soddisfazione: ha vinto Sciascia contro Camilleri, con ottime motivazioni).

Il giro lungo di Checco CanalIl giro lungo di Checco Canal
Un veneziano all’estero: andata, soggiorno e ritorno.
Compratelo qui o leggetelo qui con molte più illustrazioni.
Leggete qui una recensione sul “Gazzettino” di Venezia.

 

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi