skip to Main Content
CONTRO IL TURISMO DI MASSA: PRIMA RICETTA

CONTRO IL TURISMO DI MASSA: PRIMA RICETTA

Prima Ricetta: Scoraggiare le Locazioni Turistiche. Ritornando a ritroso nel tempo, la prima cosa da fare è una retromarcia sulle Locazioni Turistiche. Uno studio accurato del gruppo ocio.venezia ha accertato che alla fine del 2018 il numero di posti letto per turisti nella città di Venezia ha raggiunto quello dei residenti:
Posti letto 52.720
Residenti 52.996
Se nelle case abitano i turisti è chiaro che la vita locale sparisce e con essa sparisce tutta la specificità di Venezia. I negozi si rivolgeranno ai turisti, come già oggi fanno perfino i supermercati. La città diventa un museo.
Nelle città di tutto il mondo si corre ai rimedi. Perfino New York si è data delle leggi per contenere (di fatto eliminare) il fenomeno. Vedere qui sotto un prospetto con le regole già in vigore in molte città degli Stati Uniti. La strada maestra è semplice: agire sull’interesse economico dei proprietari di case rendendo più conveniente affittare ai residenti che affittare ai turisti. Vari modi sono stati sperimentati e il più comune è quello di limitare il numero di giorni durante i quali si può affittare ai turisti.
Per Venezia la proposta è: Si può affittare un appartamento ai turisti solo per un massimo di Sessanta giorni l’anno (reddito lordo di 6-7 mila euro l’anno, inferiore a un affitto mensile ragionevole per residenti).

Definizioni
Turismo di massa. Un turismo di consistenza tale da offuscare o sopraffare la natura del territorio visitato.

In mancanza di studi scientifici, si può fissare il numero di turisti consentiti al 15 per cento dei residenti. Nel caso di Venezia,l’obiettivo finale di una buona amministrazione può essere arrivare in dieci anni a 90.000 residenti. Ciò significa un numero massimo di 13.500 turisti di media giornaliera, da raggiungere gradualmente attraverso un progressivo incentivo alle forme di economia sane e redditizie.
Nei prossimi post presenterò le Ricette Seconda e Terza.

Se la tabella qui sotto non risultasse ben leggibile, cliccare qui per leggerla sul sito web originale (e osservate l’importo delle multe per chi trasgredisce, nella colonna “Fine”…).

Condividi questa pagina
This Post Has 4 Comments
    1. Non credo proprio, caro Aldo. Lo stanno facendo in tutto il mondo. Ma sarebbe interessantre avere l’opinione di un costituzionalisdta italiano.

  1. Non credo che il problema siano solo le locazioni turistiche. A mio giudizio la vera questione sono le orde di turisti pendolari che ogni giorno arrivano per una visita di alcune ore e la massa enorme di croceristi che si riversano in città Se verificate i numeri, vi renderete conto di quello che intendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi