skip to Main Content
MOTO ONDOSO, PEGGIO DI PRIMA

MOTO ONDOSO, PEGGIO DI PRIMA

Dopo aver speso quasi dieci anni (1995-2004) alla guida di Pax in Aqua, mi tocca adesso rivedere sui giornali gli stessi articoli di allora. Pax in Aqua era (forse è ancora, perché non è mai stata formalmente sciolta) una “Associazione per la lotta al moto ondoso a Venezia e nella sua laguna”. Con lavoro instancabile dei suoi Direttivi (ricordo tra gli altri Federico Visconti, William Pinarello, Nicola Calella) e il sostegno di Gazzettino (con Silvio Testa) e Nuova Venezia (con Alberto Vitucci) eravano riusciti a ottenere qualcosa: obbligo di targa alle imbarcazioni con motori di più di dieci cavalli, cartelli sulle bricole indicanti i limiti di velocità. Poi io mi sono ammalato, l’Associazione non ce l’ha fatta a continuare con quei ritmi di lavoro e pian piano si è spenta (un colpo mortale l’ha dato la nomina di Paolo Costa, allora sindaco, a Commissario straordinario per la lotta al moto ondoso – ha speso 34 milioni per comprare un immobile al Tronchetto e poi abbandonarlo).
Riporto qui un articolo del tenace Vitucci sulla Nuova di oggi. E annuncio che in questi giorni sta ri-nascendo un movimento di protesta tra alcune società remiere. Sono andato qualche giorno fa a una riunione a Villa Groggia alla quale hanno partecipato almeno tre consiglieri comunali: Andrea Martini, Monica Sambo, Sara Visman. Con il loro appoggio si potrà forse ottenere qualche progresso, se si riuscirà ad agire in modo unitario.

 

Condividi questa pagina
This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi