skip to Main Content
AH, LA DEMOCRAZIA!

AH, LA DEMOCRAZIA!

I VENEZIANI SE NE IMPIPANO. Stanno troppo bene adagiati sulle loro rendite sicure, grandi o piccole che siano, sui loro 30 milioni di turisti l’anno, sulle bancarelle, le carovane di taxi, le agenzie di hosting turistico, i negozi di borse cinesi, i bar e i caffè che in pochi anni permettono di ritirarsi alle Canarie.

A Venezia insulare si è scomodato a votare solo il 33 per cento dei residenti. Di essi, l’84 per cento ha votato per la separazione: sono il 27 per cento del totale. Per tutti gli altri, sette veneziani su dieci, le cose vanno bene così.

Evidentemente per muovere le persone, o il popolo, occorrono ragioni fortissime: sofferenze reali, com’è stato nei paesi ex comunisti, come da noi con la guerra e anche con il divorzio e l’aborto. Ma la democrazia è questo: la gente è ancora poco sensibile ai ragionamenti, alla storia, soprattutto ai discorsi sul bene comune. Il bene comune, nel DNA della specie, viene in secondo piano, dietro al bene mio personale o a quello del mio gruppo immediato. Da noi i progressi sono stati tanti, ma siamo ancora lontani dal trionfo della ragione e della cooperazione. (Titoli e articolo dalla Nuova Venezia).

 

 

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi