skip to Main Content
ANCORA UN DONO DI VENEZIA

ANCORA UN DONO DI VENEZIA

Bella sorpresa riservata questa mattina a chi passava per la zona della Ca’ di Dio. Un artista francese di origine siciliana, Bruno Catalano, ha situato lungo la riva una pluri-scultura di fascino straordinario. Rappresenta il viaggio terreno di un uomo, un everyman si direbbe, con la sua valigia e un paio di scarponi, che sono tutto quello che di lui rimarrà, salvo alcuni ricordi di un corpo che sta per svanire. La scultura emana un magnetismo invincibile. Ma il vero colpo di genio, inatteso forse dall’autore stesso, è dovuto alla collocazione: sullo sfondo di quel corpo effimero la città di Venezia offriva questa mattina un cielo azzurrissimo, una distesa d’acqua lagunare e i grandi capolavori dell’arte veneziana, i campanili di San Giorgio e di San Marco, le cupole della Salute. Non vi è praticamente nessun passante che non si sia fermato a fotografare quell’unico, irripetibile spettacolo per portarsene a casa un ricordo. Grazie allo scultore Bruno Catalano e grazie a chi gli ha concesso i permessi, per questa straordinaria esperienza.

((Il contesto in cui il lavoro si inserisce è llustrato bene in questo articolo della “Voce di Venezia“.

Qualche notizia sullo scultore si trova sul sito web dell’autore).

 

Condividi questa pagina
This Post Has 2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi